Archivi

Tradizioni natalizie in epoca Regency

 

Una famiglia dell’epoca Regency poteva scegliere di celebrare solo con i parenti o decidere di cenare con amici stretti. In entrambi i casi la cena di Natale si basava sul consumo di diverse portate.

La casa era addobbata con il vischio (la cui tradizione risale ad antichi usi celtici) e alcune piante di sempreverdi; oltre al verde, probabilmente la casa veniva decorata in base alla fantasia di signore e signorine, come le Musgrove di Persuasione, che ritagliano carta dorata e seta.

Immagine correlata

Non si inviavano i biglietti di auguri natalizi; il primo di questa lunga tradizione vedrà la stampa nel 1843:

Immagine correlata

In epoca Regency non c’era ancora la tradizione dell’albero di Natale (che introdurranno la Regina Vittoria e il principe Albert) ma quella del ceppo natalizio, anch’essa collegata a Yule, che nelle tradizioni germanica e celtica precristiana, coincide col solstizio d’inverno.

Il ceppo natalizio veniva fatto ardere allegramente nel camino e la credenza popolare voleva che se fosse durato fino alla dodicesima notte avrebbe preservato la casa dalla sfortuna.

Risultati immagini per christmas regency

Uno dei canti natalizi ammessi nell’epoca di Jane Austen era “Hark the Herald Angles Sing” derivato dalla poesia For Christmas Day che iniziava con quelle stesse parole, scritta dal pastore metodista e poeta inglese Charles Wesley  nel 1739.

Il brano è stato poi accompagnato dalla melodia successiva di Mendelssohn. Fino all’età vittoriana, fu –insieme a “While Shepherds Watched Their Flocks by Night”– l’unico canto natalizio ad essere, non solo approvato, ma anche ammesso nelle liturgie dalla Chiesa inglese.

Il menù del pranzo o cena di Natale prevedeva: roastbeef e cacciagione, con l’aggiunta di oca, cappone, fagiano, cigno e/o pavone. Fra le bevande, sulla tavola di Natale non mancavano vini e, a fine pasto, il Porto.

Immagine correlata

In una delle sue lettere, Jane Austen scrisse: “Stiamo appena iniziando a impegnarci in un altro dovere di Natale, che consiste, dopo aver mangiato tacchini, nel disporre dei soldi di Edward per preparare regali per i poveri”.

Le Mincemeat pies erano torte di carne tritata arricchite di frutta e spezie, anch’esse accompagnate dal detto secondo cui “se mangi torte tritate per tutti i 12 giorni di Natale, avrai 12 mesi di felicità”.

La Cena di Natale veniva servita verso le quattro di pomeriggio. Poi, durante la serata, si faceva un brindisi alla stagione.

Risultati immagini per christmas regency

Era d’obbligo preparare come dolce il plum pudding, che poi diventerà il Christmas pudding. Letteralmente significa budino di prugne ma in realtà non tutti sanno che non contiene prugne bensì frutta secca e uvetta.

Anche il budino aveva valenza beneaugurale: vi venivano inserite monetine o addirittura un anello. Chi li ritrovava, aveva davanti un anno fortunato… o addirittura un matrimonio.

Immagine correlata

Altri dolci tipici natalizi erano il panpepato e i biscotti allo zenzero, la zuppa inglese e il syllabub: un misto di latte, brandy e vino che in origine si beveva ma che in seguito venne montato e trasformato in gelatina per essere mangiato.

A fine pasto veniva servito il Wassail, un liquore che conteneva molto alcool (e che agiva un po’ come un pugno nello stomaco), portato a tavola nella caratteristica bowl (una grossa coppa) e bevuto caldo. Il wassail (nell’inglese antico was hál, letteralmente ‘alla salute’) era un hot punch a base di birra, miele e spezie nato nel sud dell’Inghilterra durante il Medioevo. La tradizione vuole che questa bibita venisse offerta agli amici in visita.

Immagine correlata

 

Il Natale Regency – in viaggio con Miss Darcy

L’ albero di Natale – la tradizione, l’epoca vittoriana

https://bibliotecaromantica.blogspot.com/2008/12/la-festa-di-natale-in-epoca-regency.html

12 facts about Regency Christmases

Curiosità alimentari in epoca Regency

Il viaggio nell’alimentazione dell’800 è un percorso ad ostacoli nella chimica delle adulterazioni: il pane sbiancato col gesso e impastato con allume, per risparmiare sulla farina, tecniche di conservazione piuttosto precarie ed esposte ai microbi per il latte, e altri cibi freschi, birra resa più forte con l’aggiunta di intrugli come oppio ed erbe velenose, carni macellate provenienti anche da animali malati, per non parlare dell’ignoranza delle più elementari norme di igiene e refrigerazione
Gli ananas.
Ai tempi di Jane Austen, gli ananas erano così rari ed esotici che quando una padrona di casa era abbastanza ricca da procurarsene uno, esso veniva usato come un centrotavola e non veniva mangiato affatto! Anzi, poiché era così apprezzato, poteva passava ad altre padrone di casa fino a quando non marciva!
Immagine correlata
 
Il gelato.
Uno dei dolci preferiti era il gelato all’epoca della Reggenza che veniva fatto con il ghiaccio conservato nelle ghiacciaie (oppure addirittura importato). Il gusto più popolare pare fosse il “parmesan cheese”, il formaggio parmigiano! De gustibus! Naturalmente anch’esso era un alimento solo per ricchi sia da acquistare sia da avere in tavola fatto direttamente dai propri cuochi a casa. 
Risultati immagini per gunter's ice cream
Ricetta per fare il gelato tratta da “The Art of Cookery Made Plain and Easy” di Hannah Glass:

“Tagliare a pezzi dodici albicocche, e scottatele, trituratele in un mortaio, aggiungete loro sei once di zucchero doppio-raffinato, e una pinta di crema sigillante, e lavoratele attraverso un setaccio; mettetele in una scatola con coperchio chiuso, e mettetele in una vasca di ghiaccio tritato piccolo, con quattro manciate di sale mescolate tra il ghiaccio; quando vedete la vostra crema crescere spessa ai bordi della vostra scatola, mescolate bene, e rimettetela dentro finché non è abbastanza densa; quando la crema è tutta congelata, toglietela dalla lattina, e mettetela nello stampo tenendo un’altra vasca di sale e ghiaccio pronta come prima; mettete lo stampo al centro, e adagiate il ghiaccio sotto e sopra di esso; lasciatelo riposare quattro ore, e non giratelo mai fino al momento in cui lo volete, poi immergete lo stampo in acqua fredda, e trasformatelo in un piatto. Si può fare con qualsiasi tipo di frutta allo stesso modo”.

 

 

Risultati immagini per gunter's ice cream
Un pasticcere italiano.
Al numero 7-8 di Berkeley Square nel West End di Londra Domenico Negri fondò nel 1757 la pasticceria originariamente chiamata “The Pot and the Pine Apple”; anni dopo James Gunter divenne socio di Negri e la chiamò Gunter’s Tea Shop.
Immagine correlata
Master chef. La prima apparizione di uno chef-celebrità è stata durante il periodo della Reggenza. Si chiamava Marie-Antoine Careme e fargli cucinare un pasto sarebbe costato più reddito annuo di un modesto lavoratore. Come gli chef celebri che abbiamo oggi, Marie-Antoine aveva scritto molti libri di cucina di successo e lavorò sia per Napoleone che per Principe Reggente. Ha inventato il soufflé al cioccolato!
Immagine correlata
 
Cioccolata. In epoca Regency avevano un palato molto diverso dal nostro. Il loro cioccolato era piuttosto amaro ed era bevuto come il caffè. Era considerata comunque una bevanda golosa e sorseggiata spesso al mattino.
Risultati immagini per chocolate regency era
Bere il caffè. Non avevano solo il palato diverso dal nostro ma anche il modo di bere il caffè, come dei gattini affamati, dal piattino.
Immagine correlata
La famose focaccine di Bath. di cui Jane Austen “amava” fare indigestione:
farò il possibile per rendere minima la differenza procurandomi dei disordini di Stomaco a forza di focaccine di Bath
(Lettera n. 29 (sabato 3 – lunedì 5 gennaio 1801) a Cassandra Austen, Godmersham) Trad. di G. Ierolli: jausten.it
Dose per 12
450 gr farina; 150 gr burro; 7 gr lievito in polvere; 2 cucchiai di zucchero; 225 ml latte; un pizzico di sale, un cucchiaio di semi di cumino.
Per la glassa: 2 cucchiai di zucchero fine; un cucchiaio di latte.
Aggiungere il sale alla farina e lavorare il burro nel composto; aggiungere lievito, zucchero, semi di cumino, mescolare bene. Scaldare il latte e aggiungerlo un po’ alla volta. Lavorare l’impasto per 10 minuti su un piano infarinato, poi lasciarlo riposare in una ciotola coperta con un panno fino a che raddoppia, anche per due o tre ore. Formare 12 focaccine e metterle su una teglia imburrata e infarinata. Coprire con uno strofinaccio e far lievitare ancora un’ora. Infornare per 15 minuti finché non saranno dorate. Intanto scaldate lo zucchero e il latte per la glassa, spennellate sulle focacce calde e cospargete con zucchero e semi di cumino.
(Ricetta procurata da Chiara Biscella in Non solo porridge, Letterati inglesi a tavola, a cura di Francesca Orestano)
Risultati immagini per bath buns jane austen
Sitografia:

Ricetta -trifasica- della Pizza di Natale marchigiana

Risultati immagini per pizza di natale

(per l’immagine ringrazio http://www.smartraveltoitaly.com/natale-marche/)

Per i più coraggiosi ma anche per i più nostalgici che ricercano i sapori di una volta, di quel dolce di Natale che li riporta alla loro infanzia, pubblichiamo la ricetta della cosiddetta  Pizza di fichi da non confondersi con il Fristringo, altro dolce tipico ma a base di soli fichi secchi e di consistenza molliccia.

Questa è una vera e propria torta che si realizza con pazienza e tempo, molto tempo, suddivisa in tre fasi (per questo è stata ribattezzata trifasica): è consigliabile imbarcarsi in questa impresa durante le vacanze di Natale, magari col camino acceso; era qui accanto che si metteva la terrina infarinata a lievitare, coperta da uno strofinaccio.  Ovviamente le dosi non sono precisissime perché prima le nostre nonne facevano “a occhio” , cioè mettevano gli ingredienti a seconda della necessità (maggiore o minore consistenza, più o meno dolce), e che tradotto in gergo culinario moderno sarebbe il famoso q.b. e comunque cavar loro una ricetta che fosse un minimo comprensibile era già un’impresa.

I fase

Preparare il composto di frutta secca (meglio se fatto la sera prima):

2 kg di fichi secchi

200 gr di mandorle

200 gr di noci

200 gr di uvetta

1 bustina di Cacao

1 caffettiera da sei di caffè

1 bicchiere scarso di rhum

Scorza d’arancia grattugiata

Un pizzico di cannella/noce moscata/sale

Zucchero q.b. (un paio d’etti minimo, per contrastare l’amaro del cacao e del caffè, quindi doveroso assaggiare!)

Amalgamare il tutto e far riposare.

II fase

L’impasto:

2 Kg di farina

¼ litro di olio di semi

¼ litro acqua

¼ litro latte

6-7 uova

450 gr zucchero

200 gr. massa del pane oppure 70 gr. di lievito di birra

Anici (a piacere)

Impastare e lasciar lievitare in ambiente caldo finché il volume raddoppia.

III fase

Riunire e lavorare insieme la massa e il composto di frutta aggiungendo 180 gr di lievito di birra sciolto in latte tiepido.

Dividere l’impasto in più stampi foderati con carta forno. Decorare ciascuna “pizza”  con canditi, mandorle e noci disposte a forma di fiori. Far lievitare ancora le torte.

Cuocere a 180°-200° per 40 min. ma controllare con la prova dello stecchino.

E buon Natale!

Per qualsiasi emergenza -domande e chiarimenti- siamo qui ma non veniamo a casa!!!

 

p.s. In genere si usa mettere il calcolo delle calorie a porzione; qui la calcolatrice ci ha lasciati a metà somma. Quindi chi sta attento alla linea o non fa la pizza o non fa la dieta.