La principessa leggera di George MacDonald

La principessa leggera di George  MacDonald

Una fiaba tenera e delicata che fonde magia e insegnamenti in una dimensione senza tempo.

Come sempre accade in questi casi, arriva dritta al cuore di grandi e bambini.

La fiaba della principessa leggera ci viene raccontata giocando sul doppio significato dell’aggettivo “light” che è stato accostato alla principessa per denotarne un aspetto caratteristico e quanto mai singolare.

Tant’è che il titolo di questo racconto è stato talvolta tradotto come La principessa di luce.

Tutta la storia è costellata di giochi di parole che la traduttrice Elizabeth Harrowell ha saputo rendere al meglio.

La caratteristica peculiare della principessa è la leggerezza, nell’accezione di assenza di peso che la fa sfuggire quindi alla pesantezza della legge di gravità come gli altri abitanti del globo, ma si esemplifica anche in altre forme di leggerezza come l’ilarità e la noncuranza delle questioni terrene.

The Light Princess, National Theatre | The Arts Desk

Qualunque sia alla fine il significato allegorico che decidiamo di darle, la fiaba rimane un genere narrativo che non ha età né target e attraverso i suoi archetipi letterari esercita una fascinazione  millenaria.

Sarà l’amore, la questione umana più imponderabile di tutte, a riportare la principessa alla realtà e alla necessità di occuparsi di questioni concrete come la sua felicità?

Forse la cosa migliore che avrebbe potuto capitare alla principessa sarebbe stata di innamorarsi. Ma come sarebbe stato possibile per una principessa senza gravità cadere tra le braccia dell’amore è un grosso problema – forse il problema. Quanto ai suoi sentimenti al riguardo, non sapeva neppure dell’esistenza dell’amore, quell’arnia di miele e di punzecchiature, nel quale era possibile cadere.

La principessa leggera è un racconto che è stato scritto da George MacDonald nel 1864. Di origini scozzesi come rivela il cognome, MacDonald è stato poco tradotto in Italia nonostante sia stato molto legato al nostro Paese avendo abitato in Liguria, a Bordighera per la precisione, per più di vent’anni con la sua famiglia di ben otto figli.

Le Edizioni Flower-ed hanno tradotto e pubblicato La principessa leggera in un delizioso volume fiorato arricchito da bellissime illustrazioni di un artista preraffaellita.  

La principessa leggera, George MacDonald - ZeBuk - Il blog per gli  appassionati di lettura

Sinossi:

Nel giorno del suo battesimo, la principessa di Lagobel viene colpita da una maledizione: una strega vendicativa, che per dimenticanza non era stata invitata, la priva della gravità fisica e mentale. Da quel momento la bambina tenderà a volare via al primo soffio di vento e non potrà più piangere. Il re e la regina, preoccupati, cercheranno una soluzione per far tornare la figlia con i piedi per terra, ma invano: neppure con il passare degli anni la principessa sarà capace di provare empatia, di frenare la sua strana risata, di comprendere il lato serio della vita. Cosa riuscirà a spezzare l’incantesimo e far sì che la principessa senta finalmente il peso del mondo? “La principessa leggera”, pubblicata per la prima volta nel 1864, è una delle fiabe più celebri dello scrittore scozzese George MacDonald. Un racconto senza tempo, ricco di simboli e significati, che insegna la forza del sacrificio, della compassione e del vero amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...