Archivio | maggio 2018

Il Castello dei Conti Pallotta a Caldarola (MC)

Immagine correlata

Se  vi capitasse di passare per caso all’interno delle colline maceratesi, poco dopo Tolentino, potrebbe succedervi di venire attirati da una strana malia esercitata dal Castello di Caldarola. 

Risultati immagini per castello pallotta rievocazione castrum sarnani

 

Uno dei pochi castelli privati visitabili, edificato nella seconda metà del IX sec. è stato trasformato in residenza estiva in stile rinascimentale nel ‘500 dal Cardinale Evangelista Pallotta: conserva intatti ambienti e arredi che risalgono  ad epoca medievale.

Potreste trovare ad accogliervi addirittura messere Jacopo Pallotta, signore del castello nel ‘400, della cui compagnia avreste l’onore di avvalervi nella visita guidata del Castrum Caldarolae.
In virtù di qualche licenza spazio-temporale (permessa dalla collaborazione tra associazioni culturali dei Comuni limitrofi) vedreste schierati i Tamburini del Serafino (del Castrum Sarnani), e assistereste a duelli di scherma ricreati grazie all’Associazione del Grifone della Scala di S. Severino,  lungo i cortili interni, all’ombra delle mura merlate e degli alberi secolari che svettano nello spiazzo antistante  il ponte levatoio.
Scalpitano i cavalli ai colpi scanditi dai tamburi, i bimbi si cimentano  con rudimentali giochi medievali: fantasia e manualità rubano il posto ai videogiochi. La giornata volge all’imbrunire, si accendono i falò mentre c’è ancora del tempo per visitare le stanze del castello. Si susseguono ambienti arredati sontuosamente, carichi di oggetti che si sono accumulati nei secoli, espressione di potere e ricchezza dei Signori Castello.  I locali adibiti a cucina sono piccoli e stretti –dovevano essere molto più bassi prima-; sul piano del caminetto  qualche trappola per topi serviva a tenere lontani i malintenzionati roditori a caccia di avanzi e alla faccia dell’igiene, un girarrosto per cuocere carciofi è stato lasciato lì vicino; la lavagnetta in legno aspetta di segnare  le quantità di bucato da consegnare alle lavandaie. La vecchia madia custodiva sotto chiave il prezioso pane.
La sala da pranzo è rettangolare, lunga e stretta, conseguenza di una riorganizzazione successiva degli ambienti: è stata modellata attorno al grande tavolo in legno sovrastato da un candeliere in ferro battuto, che rimane apparecchiato solo alle sue estremità per evitare ustionanti colate di cera sugli sfortunati commensali.  Il servizio di piatti in porcellana bianca conservatosi intatto fa bella mostra di sé nella credenza di noce scura,  e a spolverarlo provvede personalmente la attuale contessa Maria Elena.
Attraversando le sale che si susseguono l’una nell’altra si scopre la storia di questo castello e di coloro che vi hanno legato i loro nomi anche se solo di passaggio:  famosi prelati marchigiani che la dinastia Pallotta per generazioni ha offerto alla carriera ecclesiastica, gli sfortunati conti che hanno abitato per ultimi il castello, privati di discendenza come indicano tristemente i due ovali con i ritratti lasciati vuoti nella Sala degli Stemmi.
Accanto ad oggetti sorprendentemente moderni -una cassettiera orientaleggiante che ha fatto pensare a qualche influsso da Macerata dove partirono le spedizioni in Cina di Padre Matteo Ricci, realizzata con la tecnica del decoùpage, la stessa stanza da bagno ed il bidet- altri meravigliano per la sontuosità (il boudoir interamente rivestito di seta) e la fattura di pregio (lampadari di murano, una consolle del 1700, un forziere da viaggio del 1400, una stufa di maiolica).
La sala d’armi e la sala delle  carrozze rivelano i passatempi preferiti dei padroni di casa e si scopre che i modelli di quegli antiquati mezzi di trasporto (coupè, berlina, spyder) hanno prestato i loro nomi alle moderne automobili superaccessoriate.
Un percorso suggestivo per gli amanti della storia, istruttivo per i ragazzi, fiabesco per i bambini e gli adulti sensibili al fascino da storie di cavalieri e principesse senza tempo.

Il Grand Tour in Umbria

Pink Magazine Italia

Pare che il termine Grand Tour sia stato utilizzato per la prima volta dall’inglese Richard Lassels nella sua guida The Voyage of Italy nel 1670.

Roma era la meta clou di questo viaggio di formazione che solo giovani rampolli nobili potevano permettersi in luogo o in aggiunta al corso di studi universitario. Se il capofamiglia era di manica larga ci si poteva spingere anche più giù fino a Napoli, o addirittura nella calda e assolata Sicilia.

Per arrivare a Roma comunque, il percorso dal nord prevedeva il passaggio degli Appennini facendo quasi tappa obbligata in Umbria: questo almeno è ciò che fece Goethe che rimase sicuramente affascinato dalle cittadine di Terni e di Spoleto, oltre che rapito dalla visione delle Cascate delle Marmore.

Nei libri di viaggio e nelle guide, la Cascata viene esaltata per l’impetuosità e la ricchezza delle acque, l’intensità del suo arcobaleno, l’assordante fragore, il paesaggio che…

View original post 571 altre parole

Sotto gli alberi di Thomas Hardy

Pink Magazine Italia

Anteprima Fazi Editore

Oh felice Hardy! Chi l’avrebbe detto che anche tu nascondevi un lato così leggero e ilare. In Sotto gli alberi c’è lo sguardo divertito e affascinato di chi guarda con tenerezza e un po’ di nostalgia a un passato che si è perso, a un piccolo mondo che è andato perduto.

Il libro si apre con uno strampalato corteo di figurine che si addentrano come silhouette nel bosco, lungo il sentiero che conduce alla casa del carrettiere per brindare con il sidro nuovo, appena spillato.

Mai avrei potuto immaginare un sentiero più magico di quello di Mellstock, attraversato dal coro dei cantori tra gli alberi argentati splendenti nella notte della vigilia di Natale.

Il crepitare delle fiamme nel focolare e l’aroma del vischio di cui è addobbata la casa del carrettiere giungono fin qui a rallegrare l’animo e a riscaldare il cuore.

Li sentiamo discorrere e vantare…

View original post 864 altre parole

Little Women sceneggiato BBC

1526020198_Piccole-Donne

Sta andando in onda su Sky lo sceneggiato made in BBC, in tre episodi, di Little Women, Piccole Donne edizione 2017.

In questa recentissima versione, che coscientemente sceglie un taglio più alleggerito ma non prescinde, anzi dà per scontato il testo scritto, può cogliersi una maggiore coralità d’insieme e una nota di freschezza dovuta alle giovanissime attrici emergenti (Jo è la figlia di Uma Thurman ed Ethan Hawke) che impersonano le quattro sorelle March, ai costumi e alla scenografia accattivante. I grandi nomi che sono stati loro affiancati, oltre ad arricchire il cast e impreziosire la caratterizzazione dei personaggi più adulti, hanno il pregio secondo me di non oscurare gli altri. Il film è stato interamente girato in Irlanda nel mese di agosto, lontanissimo quindi da luoghi e condizioni ambientali originali ma gli interni curatissimi e gli ambienti ricreati sapientemente confermano la famosa attenzione per i particolari e la ricostruzione storica della produzione inglese.

La sceneggiatura non ha apportato novità significative, anzi piuttosto il contrario visto che, operando qualche taglio o salto temporale, si rivela a volte troppo sbrigativa o criptica. Ci guadagna in compenso la narrazione per immagini che invece sono molto evocative. Rispetto alle precedenti versioni cinematografiche, con le quali non ritengo opportuno stabilire paragoni, trattandosi di prodotti e fatture troppo diversi, alcuni personaggi sono stati meglio approfonditi (Mrs March per esempio ha i suoi momenti di debolezza che la rendono meno perfetta e più umana, e molto più somigliante alla vera Marmee), mentre altri, come Laurie, risultano penalizzati.

Il risultato finale è indubbiamente più vicino e rispondente al gusto moderno,  e tutt’altro che deludente nella sua visione complessiva, e anche se si tratta di una storia cara, più volte raccontata, beneficia di un’aurea di tenerezza e calore umano che circondano da sempre i valori familiari propugnati da Louisa May Alcott.