Archivio | dicembre 2017

Bilancio 2017

Jane Austen donna e scrittrice-500x50025360709_1977857419151845_1991416250_n

Annunci

La piccola libreria di Venezia: viaggiando anche a Firenze e a Parigi

Pink Magazine Italia

Chi non sogna una libreria specializzata in classici? Margherita, la protagonista di questo romanzo, ne fa la sua professione e sceglie prima di tutto i classici come suoi compagni di vita. Riesce a trasmettere questo suo amore anche a noi attraverso il testo che è disseminato di citazioni e di richiami, scegliendo quello che si adatta di più alla situazione del momento per tematiche o messaggio.

Leggere un classico è confortante (cap. 17), la sentiamo ripetere senza stancarsi mai.

Le magnifiche coordinate geografiche di questo libro, scelte da Cinzia Giorgio, sono tre splendide città d’arte come Venezia, Firenze e Parigi. Mettere a frutto le sue competenze di storica dell’arte e la sua passione per i libri e la scrittura dev’esserle sembrato così naturale che il risultato è un inno alla lettura e alla bellezza di cui siamo circondati.

Venezia è colta nei suoi angoli più nascosti, meno frequentati dalla massa…

View original post 750 altre parole

Urbino città natale di Raffaello

Pink Magazine Italia

di Romina Angelici

Raffaello Sanzio figlio di Giovanni Santi e Magia di Battista nasce a Urbino il 6 aprile 1483 e qui viene battezzato. Scrive il Vasari:

«l’anno 1483, in venerdì santo, alle tre di notte, da un tale Giovanni de’ Santi, pittore non meno eccellente, ma sì bene uomo di buono ingegno, e atto a indirizzare i figli per quella buona via, che a lui, per mala fortuna sua, non era stata mostra nella sua bellissima gioventù». (Giorgio Vasari, Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori, Vita di Raffaello da Urbino, Firenze 1568)

La città marchigiana era nel periodo del suo massimo splendore: alla corte di Federico da Montefeltro erano chiamati artisti di fama, che lavoravano alla realizzazione del magnifico Palazzo Ducale. Anche il padre di Raffaello, Giovanni Santi, era artista che lavorava per la corte e aveva a bottega numerosi apprendisti, tra cui ci s’immagina…

View original post 316 altre parole

Il Club del libro e della torta di bucce di patata a Guernsey

Pink Magazine Italia

Mary Ann Shaffer & Annie Barrows

Edizioni Astoria

Si può parlare della seconda guerra mondiale e dell’occupazione tedesca con straordinaria soavità e levità? E può un romanzo epistolare contenere ed esprimere tutto ciò?

Ebbene sì, per quanto anche il solo accostamento di termini appaia incongruente, il risultato è invece una meravigliosa storia ottenuta con una tecnica patchwork il cui filo è tenuto da lei, Juliet, la narratrice-scrittrice. Perché in fondo si tratta di un libro nel libro, di una raccolta di lettere che intercorrono tra Juliet e gli abitanti dell’isola di Guernsey e tra lei e i suoi amici, cucite insieme con mano leggera e sguardo divertito.

In realtà le autrici di questa raccolta epistolare sono due, Mary Ann Shaffer & Annie Barrows, le cui voci si fondono mirabilmente in un unico stile, sulla stessa scia narrativa, in uno struggente avvicendamento, necessario da parte della nipote, per l’aggravarsi delle condizioni…

View original post 481 altre parole

Raffaello di Cinzia Giorgio

Pink Magazine Italia

Proprio in questi giorni su Sky Arte stanno trasmettendo il film documentario su Raffaello – Il Principe delle Arti ed è stato irresistibile il bisogno di completare la visione di così belle e intense immagini con un testo parimenti emozionante: Raffaello di Cinzia Giorgio.

Mi sono domandata perché l’autrice di questa biografia romanzata abbia scelto proprio Raffaello a soggetto del suo libro. La risposta l’ho trovata facilmente, andando avanti nella lettura delle pagine che si succedevano in appassionanti vicende, respirando il fascino imperituro trasmesso dalle righe scritte in tutta la magnificenza che questo artista ha saputo imprimere all’arte e alla bellezza.

Il racconto è affascinante e costruito su un doppio binario spazio temporale (tra la Roma del Cinquecento e la Parigi di oggi) a incastro, strato su strato: sovrapposti come quelli che un bravo restauratore deve rimuovere per recuperare l’opera originale che alla fine si disvela ai suoi occhi, in…

View original post 525 altre parole

Natale a Pemberley

24774822_729319707263416_8932057677655938247_nNatale a Pemberley

di AA.VV. (Gruppo Fb Regency & Victorian)

 

Deliziosa antologia natalizia a base di racconti usciti dalle penne ispirate di un gruppo di autori vari, appassionati di Jane Austen e del periodo Regency.

Questo strabiliante risultato è ciò che è venuto fuori dall’insieme vario e assortito di scrittrici e generi diversi che grazie all’opera magica della coordinatrice e ispiratrice del progetto, Antonia Romagnoli, hanno saputo fondersi in un’unica voce, in un mirabile esempio di armonia non solo sintattica, ma anche stilistica e di contenuti.

Ciascuno degli autori ha risfoderato e messo in campo le proprie competenze: rispolverando vecchie conoscenze o creandone di nuove per l’occasione, in una coralità di voci in cui nessun suono giunge stonato ma perfettamente accordato in una melodiosa sinfonia. È il nostro speciale canto di natale, il nostro personale omaggio a Jane Austen che ci ha indotto a voler ricreare un’atmosfera che proseguisse quella indicata nella famosa frase di Lizzie, verso la fine di Orgoglio e Pregiudizio, quando scrivendo, per ringraziarla, alla zia Gardiner, le annuncia: “A Natale dovete venire tutti a Pemberley” (cap. 60).

Questo è stato il nostro principio ispiratore poi il “la” è stato fornito da Antonia Romagnoli che ci mostra, nel più classico dei misteriosi inizi in medias res, come Miss Georgiana Darcy sia preoccupata per l’improvvisa scomparsa di Elizabeth, promessa sposa del fratello nelle nozze che si sarebbero dovute celebrare proprio a casa loro, una Pemberley Hall agghindata a festa, il giorno di Natale.

Con un alacre scambio e reperimento di suggerimenti e informazioni utili, ciascuno strumento è stato accordato a quello del suo vicino e dell’intero ensemble orchestrale e sono miracolosamente comparsi, in risposta all’invito di Georgiana, ospiti eterogenei e personaggi austeniani rivisitati.

Il libro ideale da centellinare racconto dopo racconto, uno più bello dell’altro, durante un pomeriggio di relax: nato per questo periodo natalizio ma capace di regalare più di un sorriso divertito in qualsiasi momento dell’anno.

Buona lettura!

Buon Natale da Pink!

Pink Magazine Italia

La redazione di Pink Magazine Italia augura a tutti voi un sereno Natale!

Felice, felice Natale, che possa riscattarci dalle delusioni dei nostri giorni d’infanzia; che possa ricordare al vecchio i piaceri della sua gioventù; che possa trasportare il marinaio e il viaggiatore migliaia di miglia lontano, di ritorno al caminetto della sua casa tranquilla!

(Charles Dickens)

 

cropped-12650213_10208146054679559_1910435185_n_christmas-448

 

View original post