Pink Ottobre e La Scapigliatura.

 

Su questo numero di Pink c’è anche il mio articolo sul libro

La Scapigliatura e il 6 febbraio 1853

di Cletto Arrighi

Graphofeel edizioni

Quando un libro ti spinge a riaprire i testi di scuola non soltanto conferma un’antica verità e cioè che non si finisce mai di imparare, ma attesta che il viaggio all’interno e attraverso di esso è stata un’esperienza totalizzante.

Questo è ciò che si prova alla lettura del romanzo La Scapigliatura e il 6 febbraio 1853 di Cletto Arrighi (anagramma di Carlo Righetti). Il testo rappresenta il manifesto programmatico del movimento politico-letterario della Scapigliatura che prese le mosse da Milano verso la metà dell’Ottocento. In un periodo di disordini e di messa in discussione dei rassicuranti ideali borghesi questo romanzo segna la presa di consapevolezza, con conseguente dichiarazione di intenti e di ideali, di questo gruppo di artisti dalla provenienza più disparata. L’autore ne fornisce la definizione:

In tutte le grandi e ricche città del mondo incivilito esiste una certa quantità di individui di ambo i sessi, fra i venti e i trentacinque anni, non più; pieni d’ingegno quasi sempre; più avanzati del loro tempo; indipendenti come l’aquila delle Alpi; pronti al bene quanto al male; irrequieti, travagliati,… turbolenti -i quali- o per certe contraddizioni terribili fra la loro condizione e il loro stato – vale a dire fra ciò che hanno in testa e ciò che hanno in tasca – o per certe influenze sociali da cui sono trascinati -o anche solo per una certa particolare maniera eccentrica e disordinata di vivere … meritano di essere classificati in una … casta sui generis… io l’ho chiamata appunto la Scapigliatura”.

 

Annunci

Miss Charity

Immagine

Chi potrebbe immaginare che  Miss Charity, intelligente e incompresa bambina inglese nata nel 1870, sia un personaggio concepito da una scrittrice contemporanea e francese, Marie Aude Murail, non nuova in verità alla letteratura per ragazzi?

Miss Charity non è solo un romanzo per adolescenti, ma un campionario di letteratura inglese cui attingere per creare una  nuova, sorprendentemente e verosimile biografia femminile.

Se Beatrix Potter immaginava una nidiata di conigli, Miss Charity alleva nella sua anticamera al terzo piano dove vive confinata la maggior parte della giornata,  il suo Master Peter, ma anche topolini, un corvo, un’anatra. La sua istruzione è demandata a Miss Blanche che le trasmette la passione per l’acquerello che unita a una speciale sensibilità e un acuto spirito d’osservazione le permette di popolare la sua solitudine di storie intrecciate tra i suoi amici animali.

Risultati immagini per miss charity marie aude

Spettatrice disincantata del mondo patinato e interessato in cui si muovono le frivole cugine si autoesclude intenzionalmente dalle loro strategie matrimoniali anche a rischio di essere etichettata come troppo  originale.  Da sempre è innamorata di un compagno di giochi d’infanzia, e non lo sa. Kenneth Asley fa l’attore per guadagnarsi da vivere e gode di pessima fama, ma senza alcun pregiudizio lei si accontenta di guardarlo da lontano dispensandogli saggi consigli ogniqualvolta le loro strade si incrociano casualmente o meno.

Quando scopre di poter monetizzare le sue storie illustrate per bambini con gli editori Marshall padre e figlio  i suoi orizzonti si dischiudono, la cerchia di conoscenti si allarga, l’autostima cresce nella consapevolezza del proprio valore. Il rapporto con i genitori che l’avevano per tutta l’infanzia e l’adolescenza volutamente trascurata e ignorata si riequilibra: con il padre si impone con la propria importanza economica (tanto da poter offrire la somma necessaria per l’acquisto del cottage delle vacanze), quello con la petulante madre non conosce compromessi o sconti.

 

Immagine correlata

Inesorabile Miss Charity conduce la sua vita ritirata, tollerante, rispettosa degli altri in quanto esseri umani, risoluta a fare del bene. La proposta di matrimonio da parte del giovane Marshall, nella cui allegra e numerosa famiglia è stata entusiasticamente accolta,  dapprima allettante, è riconsiderata con grande coraggio e sincerità.

Non teme Miss Charity il giudizio altrui, non è schiava delle sue origini nobili; non esita ad abbracciarsi la gonna per entrare nelle acque del fiume a imparare la pesca a mosca, diventando compagno del padre, come quel figlio che lui aveva tanto desiderato, e neppure teme di  travestirsi da uomo per andare a salvare Mr Asley dalla perdizione dell’alcol e del fumo.

In cambio di una dedica al nipote di Bernard Shaw sul suo libro di prossima uscita, riesce a procurare a Mr Asley una parte che lo aiuta a risollevarsi dalla rovina in cui è stato trascinato dalle sfortunate traversie di Oscar Wilde, suo precedente mecenate. Finalmente si dichiarano il reciproco amore e senza tanti fronzoli si sposano.

Nella IV di copertina si legge un esplicito riferimento a Jane Austen alla quale il romanzo farebbe omaggio: non solo nella riproposizione di circostanze e personaggi simili, ma anche nell’uso incisivo dei dialoghi e dell’ironia. In verità la storia principale segue la biografia di Beatrix Potter, la cui predilezione per gli animaletti è pressoché identica in intensità e fortuna. Le incursioni nella stagione teatrale londinese di fine Ottocento con l’avvicendamento sui palcoscenici di Oscar Wilde e Bernard Shaw (a discapito del primo incarcerato per accuse di omosessualità), sono condotte con sapienti e competenti riferimenti e citazioni.  Il lieto fine suggella il concludersi della fiaba che non ha taciuto le brutture e i compromessi della vita.

Risultati immagini per miss charity marie aude

La lucida follia con cui gli occhi di Miss Charity hanno guardato il mondo le ha anche permesso di sopravvivere alla di esso spietata ipocrisia.

Il giardino di Elizabeth von Arnim

Impossibile non essere contagiati dalla sua passione per il giardinaggio

Pink Magazine Italia

Incantevolmente delizioso il modo in cui Elizabeth vive e descrive il suo giardino, in esso completamente immersa, come oasi di ristoro e bellezza, quanto inquietanti sono gli sprazzi di attualità e costume tedeschi gettati qua e là. Arrivano improvvisamente ogniqualvolta l’Uomo della Collera fa la sua apparizione.

La determinazione a voler immergersi nel suo giardino, a confondersi tra i suoi amati fiori, quasi a condividerne le vette di perfezione nella loro fioritura, è teneramente contagiosa.

Non solo un compendio di botanica e arte del giardinaggio, ma anche una immanente dichiarazione d’amore al suo giardino di cui con precisione diaristica annota i progressi, le migliorie, le fioriture, gli effetti dell’avvicendarsi delle stagioni.

Mi piace il mio giardino. Ci sto scrivendo proprio ora nell’incanto del tardo pomeriggio, con frequenti interruzioni dovute alle zanzare e alla tentazione di alzare gli occhi a contemplare tutto lo splendore delle foglie verdi novelle lavate mezz’ora fa…

View original post 170 altre parole

La rivincita di una libraia

Pink Magazine Italia

Sliding doors ci insegna che nella vita è tutta questione di porte scorrevoli: in base a quale imbocchi il tuo destino può cambiare completamente.

7825407_2516436

Ma perché accettare supinamente il fatalismo se il libero arbitrio ci consente di opporci? Kitty ha 38 anni e gestisce una libreria insieme alla sua amica Frida. Non ha una relazione sentimentale ed è una single insoddisfatta perché convinta di aver perso la sua occasione e di non aver scelto quella condizione.

Gli affari alla libreria vanno male, i genitori sono partiti per una vacanza, Kitty inizia a sognare di notte un’altra esistenza, un’altra situazione che la vede sposata, moglie amata e madre di tre gemelli. La cosa si ripete ogni sera appena si addormenta non può impedire di venire visitata da quel sogno che sembra così reale e le fa credere di stare conducendo una doppia vita.

Le mie scorrerie notturne tendono al fantastico, mi…

View original post 248 altre parole

Eventonic.it Una vita di eventi

Pink Magazine Italia

Logo

Basato su un’intuizione geniale è il sito che cercavi se vuoi organizzare un evento, una cerimonia, una riunione aziendale. Da un’idea giovane e lungimirante può nascere un grande progetto che sfrutta le molteplici potenzialità del web tramite l’abbattimento di tutte le barriere.

Avvalendosi di una piattaforma che mette in comunicazione la domanda e l’offerta nel campo delle strutture ricettive, Eventonic.it ha come obiettivo quello di assistere e coadiuvare i professionisti che operano nel settore facendoli incontrare con la clientela che necessita di avvalersi delle loro location e delle loro prestazioni d’opera.

Sei un operatore e desideri promuovere il tuo hotel o ristorante? in Eventonic.it puoi trovare la vetrina adatta per pubblicizzare la tua attività.

Sei un professionista che si occupa di musica, fotografie, addobbi floreali? La tua competenza specializzata potrebbe essere molto richiesta da chi organizza una cerimonia.

Sei un privato che deve organizzare una festa o un matrimonio? Scegli…

View original post 90 altre parole

Il contrario delle lucertole di Erika Bianchi

Quattro generazioni, un mosaico andato in frantumi da ricomporre, il rifiuto e l’abbandono sono ferite da cui gli esseri umani non guariscono.

Pink Magazine Italia

Questo romanzo è un crudo affresco familiare di un gruppo che si dipana per quattro generazioni senza sciogliere l’inesprimibile disagio che viene tramanda tra loro.

68274y

Il legame di sangue è l’unica certezza che collega storie tanto diverse tra loro, nuclei mai ricomposti che si sfaldano per il mondo, vite che si rincorrono e temono l’incontro.

Con una tecnica narrativa molto forte e trascinante si attraversano le vite dei personaggi con le loro particolarità e idiosincrasie, e se ne adotta il punto di vista per penetrarne la psicologia.

Tutto ha inizio durante una tappa del Tour de France all’epoca di Coppi e Bartali quando Zaro, un meccanico di biciclette, al seguito di Bartali, ha un’avventura con una cameriera di albergo che si ripresenta al suo paese con la figlia Isabelle, dieci anni dopo. Zaro che nel frattempo si è formato una famiglia e ha moglie e figlio non vuole saperne delle…

View original post 372 altre parole